Avviso ai naviganti!!!… Reindirizzamento del BLOG

Avviso ai naviganti!!!…

Reindirizzamento del BLOG

BLOG2OKDa quest’oggi si pregano i gentili visitatori di queste pagine che desiderano continuare a leggere i contenuti nuovi e pregressi di questo Blog, di collegarsi alla nuova piattaforma attivata che è ormai entrata a pieno regime, sulla quale, d’ora in poi, verranno inseriti tutti i miei post, digitando questo indirizzo web:

http://giovannipreziosiweb.blogspot.it/

Su questo Blog, tra qualche giorno, saranno eliminati tutti i post e al loro posto saranno inserite nuove pagine per trasformare questo Blog in una sorta di approfondimento su tematiche specifiche che saranno scelte insieme a voi lettori, creando un vero e proprio FORUM DI DISCUSSIONE APERTO. Vorrei, infatti, mettere a disposizione queste pagine per il confronto e l’approfondimento storico, mediante la creazione di un NETWORK di studiosi che hanno a cuore l’analisi delle tematiche affrontate in questo Blog, per raccogliere quanti più documenti e testimonianze possibili, in modo da offrire un servizio sempre più efficiente e accattivante per i lettori che ci onorano della loro attenzione…

Chi fosse interessato a questo progetto si faccia avanti senza alcun problema, scrivetemi per comunicarmi tutte le vostre idee e suggerimenti al riguardo per costruire INSIEME queste nuove pagine.

Sarete certamente i BENVENUTI!

Grazie a tutti per l’interesse, sempre crescente, con il quale mi seguite e…

Adesso a voi la parola, ci conto!!!

E-Mail: dr.giovannipreziosi@gmail.com

Immagine4

“Fuga nella notte”. Come le orsoline milanesi aiutarono ebrei e perseguitati a sfuggire ai nazisti

Ecco, qui di seguito, il mio nuovo articolo pubblicato nelle pagine culturali del quotidiano della Santa Sede “L’Osservatore Romano” (pag. 5), intitolato: «Fuga nella notte», che racconta, con dovizia di particolari inediti, come le orsoline milanesi aiutarono ebrei e perseguitati a sfuggire ai nazisti.

Per leggerlo in versione integrale cliccate sull’immagine e sarete reindirizzato direttamente alla pagina del mio nuovo Blog http://giovannipreziosiweb.blogspot.it

 articolo orsoline

Avviso ai naviganti!!!… Reindirizzamento al NUOVO BLOG!

Avviso ai naviganti!!!…

Reindirizzamento del BLOG

Da quest’oggi si pregano i gentili visitatori di queste pagine che desiderano continuare a leggere i contenuti nuovi e pregressi di questo Blog, a collegarsi alla nuova piattaforma attivata che è ormai entrata a pieno regime, sulla quale, d’ora in poi, verranno inseriti tutti i miei post, digitando questo indirizzo web:

 

http://giovannipreziosiweb.blogspot.it/

 

Su questo Blog, tra qualche giorno, saranno eliminati tutti i post e al loro posto saranno inserite nuove pagine per trasformare questo Blog in una sorta di approfondimento su tematiche specifiche che saranno scelte insieme a voi lettori, creando un vero e proprio FORUM DI DISCUSSIONE APERTO. Vorrei, infatti, mettere a disposizione queste pagine per il confronto e l’approfondimento storico, mediante la creazione di un NETWORK di studiosi che hanno a cuore l’analisi delle tematiche affrontate in questo Blog, per raccogliere quanti più documenti e testimonianze possibili, in modo da offrire un servizio sempre più efficiente e accattivante per i lettori che ci onorano della loro attenzione…

Chi fosse interessato a questo progetto si faccia avanti senza alcun problema, scrivetemi per comunicarmi tutte le vostre idee e suggerimenti al riguardo per costruire INSIEME queste nuove pagine.

Sarete certamente i BENVENUTI!

Grazie a tutti per l’interesse, sempre crescente, con il quale mi seguite e…

Adesso a voi la parola, ci conto!!!

 

E-Mail: dr.giovannipreziosi@libero.it

 

Immagine2ss

“Il gesuita e la Resistenza. Col nome di Asso di Picche padre Carlo Messori Roncaglia lottò contro il nazifascismo”

Cari amici,
vi propongo qui di seguito la lettura del mio nuovo articolo appena pubblicato nelle pagine culturali (pag. 4) de L’Osservatore Romano, dal titolo: “Il gesuita e la Resistenza. Col nome di Asso di Picche padre Carlo Messori Roncaglia lottò contro il nazifascismo”, che, prendendo spunto dall’imminente anniversario della Liberazione, cerca di dar conto dell’opera svolta all’epoca dal celebre padre gesuita Carlo Messori Roncaglia il quale, insieme ad altri suoi confratelli ed al vescovo di Padova mons. Carlo Agostini, si prodigò per aiutare e trarre in salvo molti antifascisti ed ebrei.

 

Col nome di Asso di Picche padre Carlo Messori Roncaglia lottò contro il nazifascismo

Il gesuita e la Resistenza

 di Giovanni Preziosi

Fiumi d’inchiostro sono stati versati finora per cercare di raccontare le fasi cruciali che hanno segnato la lotta di Liberazione dal regime nazi-fascista. Tuttavia, in tempi recenti, dagli archivi compulsati meticolosamente dagli storici, stanno affiorando uno dopo l’altro nuovi documenti e testimonianze che evidenziano, se ancora ce ne fosse bisogno, il contributo determinante fornito, anche a rischio della propria vita, da tanti religiosi e religiose durante l’occupazione tedesca, Un ruolo davvero encomiabile in tal senso fu svolto dall’allora rettore dell’“Antonianum”, p. Carlo Messori Roncaglia che, in qualità di cappellano del Comando Militare Volontari della Libertà, con l’ausilio di Padre Achille Colombo, collaborò attivamente con la Resistenza col nome di battaglia Asso di Picche, partecipando a molte operazioni, come del resto si legge anche in un attestato di benemerenza rilasciato, in data 24 settembre 1945, dal Comandante inglese della Special Forces Career Management Field. 

«Il Reverendo Padre Messori ha indefessamente prestato la sua intelligente, coraggiosa, validissima opera alla Causa della Libertà. (…) manteneva i collegamenti in perfetta efficienza dando asilo, consigli, permettendo ed organizzando fughe, tutto e sempre a sua completa responsabilità. Nascondeva inoltre nel suo istituto armi, esplosivi e documenti di altissima importanza, sfidando serenamente e con fulgido amor patrio tutti i pericoli del caso. Prendeva inoltre attiva parte al movimento insurrezionale, cessando la sua infaticabile attività soltanto a vittoria conseguita».

Difatti, il 22 settembre 1944, in seguito agli arresti indiscriminati compiuti dai nazi-fascisti per sgominare le varie formazioni partigiane operanti nella zona, il leader del C.L.N. veneto, prof. Egidio Meneghetti, era riuscito a sfuggire per un pelo all’imboscata trovando rifugio all’Antonianum, dove furono accolti, oltre ad alcuni ebrei perseguitati e spie filtrate dal Sud, anche diversi cospiratori antifascisti, tra cui spiccavano i professori universitari Norberto Bobbio, Giuseppe Bettiol, Ettore Bolisani, Dino Fiorot, Alberto Trabucchi, Lanfranco Zancan e il comandante della brigata “Silvio Trentin”, l’ing. Otello Pighin. Un altro episodio, finora inedito, che vide protagonista padre Messori, fu quello che riguardò la salvezza di una giovane protestante di origini berlinesi, tale Elena Niechiol che, come si evince dalle pagine del quaderno di memorie stilate, con dovizia di particolari, da una suora della comunità di Este delle Figlie del S. Cuoredi Gesù, «visse nascosta nella nostra casa dall’agosto al dicembre 1944». Ma chi era in realtà questa donna che, all’improvviso, si presentò dalle suore circonfusa da un’aureola di mistero? A svelarci l’arcano ci pensa la stessa cronista che, poco dopo aggiunge:

Per continuare a leggere questo articolo clicca qui

e sarai reindirizzato automaticamente al mio nuovo blog

http://giovannipreziosiweb.blogspot.it/

Mostra in Vaticano nel 70° anniversario del salvataggio degli ebrei bulgari durante la Seconda guerra mondiale

In occasione del 70° anniversario del salvataggio degli ebrei bulgari durante la Seconda guerra mondiale, il Ministero degli Affari Esteri della Bulgaria ha organizzato una serie di iniziative, che hanno avuto inizio il 6 marzo al Parlamento europeo di Bruxelles.

Le celebrazioni continuano con una mostra documentaria dal titolo 1943. La sorte degli ebrei bulgari: una scelta di grande rilevanza.
I documenti della mostra sono stati raccolti in collaborazione con il Museo di Yad Vashem e la Holocaust Martyrs and Heroes Remembrance Authority.

Gabriele Nissim, presidente di Gariwo e autore del libro L’uomo che fermò Hitler (Mondadori), interverrà alla presentazione dell’esposizione con un intervento sul tema Dimitar Peshev e il significato morale del salvataggio degli ebrei bulgari.

 

 La sorte degli ebrei bulgari

Mostra in Vaticano

Lunedì 22 aprile, ore 18.30
Sala Apollo 
Palazzo del Vicariato

Per continuare a leggere il post clicca qui

Avviso ai naviganti!!!… Reindirizzamento del BLOG!

Avviso ai naviganti!!!…

Reindirizzamento del BLOG

Da quest’oggi è in fase di sperimentazione una “nuova” piattaforma di questo Blog che può essere raggiunta collegandosi a questo indirizzo web:

http://giovannipreziosiweb.blogspot.it/

Fin quando non sarà a pieno regime, questo Blog continuerà le normali pubblicazioni, salvo poi essere adoperato per un progetto sempre dedicato a queste tematiche di approfondimento storico, per rendere un servizio sempre più efficiente e accattivante per i lettori che mi onorano della loro attenzione…

Grazie a tutti per l’interesse, sempre crescente, con il quale mi seguite e…

Buona navigazione!!!

Immagine2ss

Accadde, oggi: Le prime elezioni per il Parlamento repubblicano del 18 aprile 1948

 Il 18 aprile 1948 in Italia, circa tre mesi e mezzo dopo la promulgazione della nuova Carta Costituzionale approvata dall’Assemblea Costituente sulla base di due diverse leggi – per la Camera dei deputati, l. 20 gennaio 1948, n. 6 e T.U. 5 febbraio 1948, n. 26; e per il Senato, l. 6 febbraio 1948, n. 29 – si svolsero le prime elezioni politiche per il Parlamento repubblicano, che fece registrare una partecipazione popolare senza precedenti, un record almeno finora mai più eguagliato, con oltre il 92 per cento di affluenza alle urne degli aventi diritto al voto.

La competizione elettorale si svolse in un clima di dura contrapposizione tra le due principali fazioni che si contendevano la scena politica, la Democrazia Cristiana guidata da Alcide De Gasperi e il FronteDemocratico Popolare di estrazione social-comunista, anche in virtù della convulsa situazione geo-politica internazionale che si era profilata il 25 febbraio 1948, all’indomani del “colpo di Stato” di Praga, ad opera dei comunisti, che aveva contribuito a sedimentare nell’opinione pubblica la convinzione per una “scelta di campo” definitiva tra due modelli contrapposti: il “totalitarismo bolscevico” e la “democrazia”.

Era questo il preludio a quella che, negli anni successivi, passerà alla storia con un termine destinato a riempire i libri di storia: la “guerra fredda”, ovvero la dura contrapposizione Est-Ovest, fra tutti quei paesi che si riconosceranno, da un lato sotto l’ombrello della Nato nel Patto Atlantico e, dall’altro quelli che si riunivano attorno al Pattodi Varsavia di matrice sovietica.

Fu così che, alla fine di una estenuante campagna elettorale, la spuntò la Democrazia Cristiana, guidata da Alcide de Gasperi, si presentò come il reale baluardo contro il comunismo, aggiudicandosi la maggioranza assoluta dei seggi, anche grazie al sostegno determinante della Chiesa cattolica e della capillare rete delle organizzazioni dell’associazionismo cattolico, come l’Azione Cattolica e i Comitati civici di Luigi Gedda, che riuscirono a mobilitare circa 300.000 attivisti.

Il responso delle urne, infatti, sancì un clamoroso successo della Democrazia Cristiana, che si aggiudicò la maggioranza assoluta dei seggi, ottenendo il 48,5% dei voti alla Camera dei deputati (con 12.741.299 di consensi), che fece registrare un notevole incremento di consensi con 4.600.000 voti in più rispetto a quelli ricevuti per l’elezione dell’Assemblea Costituente, allorché si era attestata intorno al 25,2% con 8.101.000. risultato che non sarebbe stato più raggiunto. Il Fronte Popolare, invece, si fermò al 30,8%, facendo registrare una netta flessione rispetto ai consensi ricevuti in occasione delle elezioni del 2 giugno 1946, allorché la somma dei voti ottenuti da socialisti e comunisti i raggiunse il 40%.

Bisogna rilevare, tuttavia, che la Democrazia Cristiana non eguagliò la performance di consensi ricevuti alla Camera dei Deputati al Senato, dove non riuscì ad ottenere la maggioranza assoluta con i suoi 131 senatori, perché agli altri 237 senatori si aggiunsero, 107 senatori di diritto in virtù della III Disposizione transitoria della Costituzione, che recitava: “Per la prima composizione del Senato della Repubblica sono nominati senatori, con decreto del Presidente della Repubblica, i deputati dell’Assemblea Costituente che: sono stati presidenti del Consiglio dei Ministri o di Assemblee legislative; hanno fatto parte del disciolto Senato; hanno avuto almeno tre elezioni, compresa quella all’Assemblea Costituente; sono stati dichiarati decaduti nella seduta della Camera dei deputati del 9 novembre 1926; hanno scontato la pena della reclusione non inferiore a cinque anni in seguito a condanna del tribunale speciale fascista per la difesa dello Stato. Sono nominati altresì senatori, con decreto del Presidente della Repubblica, i membri del disciolto Senato che hanno fatto parte della Consulta Nazionale”. La vittoria del fronte moderato guidato da De Gasperi, in seguito aprirà la strada al boom economico che si registrerà negli anni Cinquanta.

© Giovanni Preziosi, 2013
La riproduzione degli articoli pubblicati in questo Blog richiede il permesso espresso dell’Autore

Avviso ai naviganti: Reindirizzamento del BLOG

Avviso ai naviganti!!!…

Reindirizzamento del BLOG

Da quest’oggi è in fase di sperimentazione una “nuova” piattaforma di questo Blog che può essere raggiunta collegandosi a questo indirizzo web:

 

http://giovannipreziosiweb.blogspot.it/

 

Fin quando non sarà a pieno regime, questo Blog continuerà le normali pubblicazioni, salvo poi essere adoperato per un progetto sempre dedicato a queste tematiche di approfondimento storico, per rendere un servizio sempre più efficiente e accattivante per i lettori che mi onorano della loro attenzione…

Grazie a tutti per l’interesse, sempre crescente, con il quale mi seguite e…

Buona navigazione!!!

Immagine

Il sacrificio di don Giuseppe Morosini. Il sangue dei sacerdoti per salvare la civiltà umana

Tag

, , ,

Riporto qui di seguito l’articolo che ho scritto sul sacrificio di don Giuseppe Morosini, pubblicato lo scorso 4 aprile su L’Osservatore Romano, col titolo “Primula rossa in tonaca”, ripreso ieri anche dall’Agenzia di informazione internazionale “Zenit”.

 

Il sacrificio di don Giuseppe Morosini

Il sangue dei sacerdoti per salvare la civiltà umana

 

 

Roma, 14 Aprile 2013 (Zenit.org) di Giovanni Preziosi

 

1224842172107Sulla scia delle Celebrazioni per il Centenario della nascita del giovane sacerdote vincenziano, don Giuseppe Morosini (19 marzo 1913 – 3 aprile 1944), che si concluderanno a Ferentino il prossimo ottobre sotto l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica, per impedire che l’incedere del tempo possa sbiadire i ricordi e spazzare via la memoria del sacrificio di questo giovane sacerdote, appena trentunenne, chi scrive ha realizzato, con dovizia di particolari, un circostanziato articolo pubblicato, nell’edizione del 4 aprile 2013, sul quotidiano della Santa Sede “L’Osservatore Romano”, intitolato “Primula rossa in tonaca”, nel quale si dà conto della luminosa figura di Sacerdote e Partigiano di don Giuseppe Morosini, barbaramente trucidato dai nazi-fascisti presso il Forte Bravetta, proprio il 3 aprile di sessantanove anni fa, dopo l’ignominiosa condanna a morte spiccata ai suoi danni dal Tribunale di guerra tedesco, il 22 febbraio di quello stesso anno. Qui di seguito vi proponiamo un breve stralcio, rimandando alla versione integrale dell’articolo per poter meglio contestualizzare e approfondire questo episodio.

All’indomani dell’Armistizio, infatti, aveva aderito alla banda “Fulvio Mosconi” di Monte Mario alle dirette dipendenze del Fronte clandestino militare di Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo, incaricandosi di trasportare armi, viveri e consegnare messaggi nelle borgate delle vie Cassia, Appia e Casilina. Tuttavia, proprio per questa sua attività, il 4 gennaio del 1944, subito dopo che aveva celebrato la S. Messa presso il collegio Leoniano, era stato tratto in arresto dai nazisti. L’arresto fu reso possibile grazie ad una soffiata di un infiltrato della Gestapo tra i partigiani di Monte Mario, tale Dante Bruna, un giovane commerciante che, aveva ritenuto più redditizio in quei tempi di crisi, intraprendere il “mestiere” di delatore, insieme al S. Ten. della P.A.I. Domenico Campani. Di conseguenza, la mattina del 4 gennaio 1944, il perfido delatore, su imbeccata della Gestapo, eseguì dettagliatamente le direttive che aveva ricevuto dal capo dell’organizzazione spionistica, il giudice Alfredo Leboffe, allacciando i primi contatti con don Morosini e Bucchi colMarcello Bucchi pretesto di voler vendere loro un mitragliatore, in modo da trovare un valido capo d’accusa per poterli poi denunciare alle autorità tedesche. Appena eseguito l’ordine ricevuto, provvide ad avvertire telefonicamente le SS che alloggiavano presso l’albergo Plaza, dove, tra l’altro, aveva stabilito la sua dimora anche Alfredo Leboffe, che poi sarà il magistrato che condannerà alla pena capitale il giovane prete vincenziano. A quel punto il piano, ordito fin nei minimi particolari da Kappler già dal mese di settembre del 1943, poteva finalmente scattare. Di conseguenza, verso le ore 11.45, mentre don Giuseppe e il sottotenente d’artiglieria Marcello Bucchi, al ritorno dall’abitazione di Dante Bruna situata in via Pompeo Magno a poca distanza dal Collegio Leoniano, si accingevano a varcare la soglia dell’istituto religioso, furono circondati e fermati da un drappello armato di tutto punto delle S.S. al comando del tenente Haut, che intimò loro di fermarsi per accertarsi delle loro generalità. Senza battere ciglio trascinarono il malcapitato sacerdote a bordo di una vettura Lancia-Aprilia, sotto lo sguardo esterrefatto del superiore del collegio don Giuseppe Zeppieri, mentre il sottotenente Bucchi fu fatto salire su di una camionetta militare che si dileguò rapidamente verso via Lucullo.

Nel frattempo, il pomeriggio del 5 gennaio, mentre don Giuseppe Morosini si accingeva ad affrontare il suo lungo calvario, il Collegio Leoniano fu messo completamente a soqquadro dalle perquisizioni delle spie e della polizia tedesca – al cospetto della Guardia Nobile di Sua Santità, D. Enzo di Napoli Rampolla – che si protrasse fino al 7 gennaio quando, finalmente, trovarono, meticolosamente occultate nella biblioteca, ben 17 mitragliatrici, tre valige contenenti pistole e bombe a mano, le copie dei messaggi trasmessi e ricevuti agli alleati e al governo Badoglio a Brindisi, nonché il cifrario adoperato da don Giuseppe Morosini. Per questo motivo il giovane sacerdote vincenziano fu accusato di aver “esercitato traffico d’armi e spionaggio” a beneficio degli Alleati e recluso nella cella numero 382 del terzo braccio di Regina Coeli.

In virtù di questa deprecabile delazione, Dante Bruna ricevette dai nazisti una lauta ricompensa che, come si è scritto da più parti ammontava a ben 70 mila, tanto che il giorno dopo l’ignobile misfatto, senza alcun ritegno, pensò bene di festeggiare l’avvenimento con un luculliano pranzo in una nota trattoria romana in compagnia della “pantera nera” – così com’era nota in quegli ambienti la principessa siriana Hamada Ikbar, segretaria e amante di Alfredo Leboffe – e un agente della P.A.I. dopodiché, un mese prima della fucilazione di don Morosini, si affrettò a far perdere le proprie tracce abbandonando precipitosamente la capitale per raggiungere il nord Italia.

pfeifferIn quel periodo, in realtà, prosperavano all’ombra del nazismo vari gruppi che, come Dante Bruna, erano al servizio dell’ufficio di controspionaggio hitleriano, con sede operativa in via Flavia, che era alle dirette dipendenze del maggiore della riserva della Wehrmarcht, Ferdinand Thun Von Hofenstein. Proprio grazie alle informazioni carpite abilmente da questo ufficiale tedesco, il Superiore Generale dei Salvatoriani, P. Pancrazio Pfeiffer, teneva costantemente aggiornato don Giuseppe Zeppieri sull’evolversi degli estenuanti interrogatori a cui veniva sottoposto don Morosini.

Tuttavia, ogni tentativo di salvargli la vita si rivelò vano anche dopo l’intervento di Pio XII, che e incaricò padre Pancrazio Pfeiffer di intercedere presso il feldmaresciallo Kesselring per evitare un inutile spargimento di sangue. Difatti, alle 8 in punto, dopo essere stato accuratamente bendato e legato ad una sedia, presso il Forte Bravetta, i militi della P.A.I. aprirono il fuoco contro di lui che in un istante si accasciò al suolo esanime. Questo gesto eroico suscitò un unanime consenso al punto che, a distanza di appena un anno, questo triste episodio fu rievocato perfino nel celebre capolavoro neorealista di Roberto Rossellini Roma città aperta, a cui prestò il volto l’indimenticabile Aldo Fabrizi in una delle sue magistrali interpretazioni.

 

“Roma città aperta”– Scena finale (Roberto Rossellini, 1945)

 

© Giovanni Preziosi, 2013
La riproduzione degli articoli pubblicati in questo Blog richiede il permesso espresso dell’Autore

Quando la Storia diventa “debole”: il pamphlet di Arcadi Espada sul “caso Perlasca”

Tag

,

All’indomani della pubblicazione in Spagna di un pamphlet intitolato En nombre de Franco («In nome di Franco»), scritto dal giornalista di “El MundoArcadi Espada (Barcellona, ​​1957) che mirava a scalfire e ridimensionare drasticamente il pregevole ruolo svolto dal “Giusto” Giorgio Perlasca” a beneficio di oltre cinquemila ebrei ungheresi strappandoli alla deportazione nazista e ad un destino cinico e baro che li attendeva, si è assistito – direi giustamente -come ha sottolineato nell’edizione odierna il “Corriere della Sera” in un articolo di rettifica ad uno precedente di qualche giorno fa, che vi riportiamo qui di seguito dal titolo: “Gli indignati del caso Perlasca”, ad un profluvio di lettere di protesta per stigmatizzare, con sdegno, la manipolazione della storia che taluni sedicenti storici fanno a detrimento della ragione e dell’incontrovertibile verità dei fatti.

Ci sentiamo, pertanto, di esprimere la nostra personale solidarietà con il figlio di Perlasca, Franco, condividendo in pieno le riflessioni espresse al riguardo dal professore di Storia dell’ebraismo moderno e contemporaneo, Gadi Luzzatto Voghera, sulle colonne del giornale on line dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Moked/מוקד:

«Da diversi anni il giornalista spagnolo del “Mundo” Arcadi Espada si dedica a ricerche archivistiche sulla vicenda del salvataggio di migliaia di ebrei a Budapest nell’inverno 1944 da parte dei funzionari dell’ambasciata spagnola. E’ noto a tutti che il padovano Giorgio Perlasca ebbe in quell’occasione un ruolo decisivo e da molti anni ormai la fondazione Giorgio Perlasca è impegnata nella valorizzazione della sua esperienza. Si tratta di un esempio importante sotto vari aspetti (è noto il valore decisivo dei Giusti nella tragedia della Shoah), ma nel caso particolare di Perlasca c’è qualcosa in più. Dopo aver scritto immediatamente dopo la fine della guerra una relazione sugli avvenimenti cui aveva assistito e sul suo ruolo attivo nelle operazioni di salvataggio, non cercò di ottenere particolari riconoscimenti e tornò a lavorare in Italia. Quando, ormai pensionato, alcune persone da lui salvate lo cercarono e lo ritrovarono a Padova, iniziò a raccontare una storia che – oltre ad essere sconvolgente e rivelatrice – ha il grande pregio di essere onesta. Perlasca sottolineò sempre di essere stato fascista, volontario nella guerra civile spagnola nelle file franchiste, e nel racconto su Budapest sottolineò a più riprese il ruolo fondamentale ricoperto dai funzionari dell’ambasciata spagnola. E’ noto che sulla sua vicenda sono stati poi scritti numerosi libri: gli sono state intitolate piazze e strade e il suo esempio è richiamato spessissimo nelle attività didattiche che centinaia di scuole organizzano in suo nome in Europa. Ora però Arcadi Espada pubblica un libro – En nombre de Franco. Los héroes de la embajada de España en el Budapest nazi – che oltre a presentare numerosi documenti inediti sembra avere un solo obiettivo programmatico: sminuire il ruolo di Perlasca e conferire il “merito” dell’impresa all’ambasciatore Sanz Briz. Questo strano modo di fare storiografia “concorrenziale” a me sembra ingiusto e insensato. Certo, per ottenere visibilità sulla stampa internazionale non c’è nulla di meglio per uno scrittore che creare un caso, ma la realtà dei fatti in una situazione così minutamente documentata e corroborata da centinaia di testimonianze come questa non dovrebbe lasciare spazio a operazioni di business culturale. Quando si studia e si pubblica su certi argomenti, bisognerebbe avere l’accortezza di mettere in primo piano il valore e la sostanza morale delle azioni che si vanno a studiare, senza scambiare il ruolo dello storico con quello del giudice, incarico peraltro che nessuno ha conferito al signor Espada»

Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 30 follower